Calcolo Piano ammortamento prestito personale

Piano ammortamento prestito: com’è calcolato? Per ogni prestito con rimborso periodico delle rate è previsto un piano di ammortamento che indica il capitale residuo dovuto alla banca inseguito al pagamento di ogni singola rata.

In altri termini ciò rappresenta un colonna di numeri decrescenti fino allo zero, dove ogni riga costituisce il momento del pagamento di una rata. Facciamo un esempio concreto. Un prestito di 5mila euro che prevede il pagamento triennale con rate a cadenza mensile avrà una colonna di 36 righe. Al fianco di ogni riga dovrà essere riportato il capitale residuo dopo il pagamento della corrispondente rata.

Facciamo un esempio concreto di piano ammortamento prestito.

Rata n°     Capitale residuo
1       4.890€
2       4.750€
3       4.520€
Applicando lo stesso principio arriviamo a:
35         275€
36           0€

Vediamo le caratteristiche del debito iniziale nel piano ammortamento prestito. È facile immaginare che il debito iniziale di un prestito corrisponda alla somma ricevuta, la realtà è diversa perché sono applicate quasi sempre delle spese pagate in via anticipata.

Nell’eventualità di cessione del quinto, le spese sono particolarmente rilevanti e vengono rappresentate dai premi assicurativi, dalle commissioni di intermediazione, di mediazione, dalle spese di istruttoria e altro ancora.

Valutando il piano di ammortamento, il debitore ha l’opportunità di conoscere in maniera costante il debito ancora dovuto alla società finanziaria o alla banca. È evidente che il debito sarà equivalente alle rate ancora dovute detratti gli interessi inclusi in tali rate.

Se si opta per l’estinzione anticipata, il conteggio estintivo, ossia la somma effettiva dovuta alla banca, è computato aggiungendo al capitale riportato dal piano di ammortamento anche la penale di rimborso anticipato, di solito l’1% del capitale ancora dovuto, e le spese accessorie eventualmente previste dal contratto.

Dobbiamo considerare, in ultima analisi, anche i “dietimi”, ossia gli interessi maturati dalla data di pagamento dell’ultima rata alla data di estinzione del prestito. 

Mutui Online - Confronta e Risparmia

Prestiti per ristrutturazione Poste Italiane: analisi dell’offerta Mutuo BancoPosta Ristrutturazione fa parte dei prestiti per ristrutturazione Poste Italiane e permette di conseguire liquidità anche in assenza di particolari requisiti o garanzie. Si tratta di un finanziamento dedicato principalmente ai titolari di un conto Bancoposta che hanno necessità di accesso al credito per eseguire un intervento di ristrutt...
Prestiti per giovani imprenditori: soluzioni a tasso agevolato Avviare un’attività di impresa implica la necessità di sostenere alcuni costi e di accedere al credito bancario. I prestiti per giovani imprenditori sono misure che intervengono quando il soggetto interessato all’accesso al credito non ha la possibilità di presentare garanzie sufficienti. Prestiti per giovani imprenditori 2016: il bando Nuove Impr...
Mutuo per liquidità: ecco come ottenerlo e quali sono i piani migliori I proprietari di un immobile che necessitano di accedere al credito hanno a disposizione un’alternativa molto utile. Di cosa si tratta? Del mutuo per liquidità. Mutuo per liquidità come funziona: tutte le informazioni Come funziona il mutuo per liquidità? A tal proposito è sufficiente specificare che si tratta di un prodotto che consente di ricev...
Finanziamenti senza busta paga: come ottenerli La diffusione delle opzioni relative a finanziamenti senza busta paga è il frutto della crisi, che ha portato tantissime persone a richiedere l’accesso al credito anche in mancanza di entrate mensili fisse per motivi di mancanza di lavoro o per il fatto di svolgere un’attività in libera professione, che non consente di presentare introiti mensili f...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *