Come calcolare il mutuo prima casa e risparmiare

Come calcolare il mutuo prima casa? Rispondere a questa domanda è fondamentale se si ha intenzione di chiarire le idee sulla sostenibilità dei singoli piani di ammortamento e di scegliere quello più adatto alle proprie esigenze.

Calcolare la rata del mutuo prima casa: specifiche generali

Quando si tratta di capire come calcolare il mutuo prima casa è fondamentale partire dalla rata, ricordando che in caso di scelta di un piano a tasso fisso l’impegno è costante per tutta la durata del percorso di rimborso. Se invece si opta per il tasso variabile l’importo varia a seconda dell’andamento dei mercati.

Un’alternativa per usufruire dei vantaggi del tasso variabile e per non mettere da parte la tranquillità è il mutuo a tasso variabile con CAP, caratterizzato da una soglia oltre la quale il tasso non può andare.

Come calcolare il mutuo prima casa: l’esempio del piano ipotecario Inpdap

Per approfondire la questione come calcolare il mutuo prima casa è utile fare un esempio specifico. Un riferimento tanto semplice quanto chiaro al proposito è il piano ipotecario Inps ex Inpdap, riservato agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Questo prodotto consente di accedere al credito per l’acquisto della prima casa, per la ristrutturazione di un immobile già esistente, per la costruzione di un box o di un posto auto da considerare come pertinenza dell’abitazione principale e da costruire ad almeno 500 metri da essa.

Il piano ipotecario in questione consente di richiedere fino a 300.000€ per il mutuo finalizzato all’acquisto della prima casa (tale cifra è integrabile con ulteriori 6.000€ per la copertura delle spese assicurative non obbligatorie).

Quali sono i tassi di riferimento? Quello fisso è pari al 2,95%, mentre quello variabile corrisponde all’Euribor 6 mesi, maggiorato di 200 punti e calcolato su un lasso di tempo di 360 giorni.

Mutuo prima casa: un esempio di piano a tasso fisso

Per capire come calcolare il mutuo prima casa è fondamentale fare il maggior numero possibile di esempi, motivo per cui abbiamo scelto di presentarvi un altro piano a tasso fisso.

Tra i tanti piani disponibili scegliamo di analizzare quello proposto da Banca Intesa, ipotizzando la richiesta di un mutuo di 150.000€ e la scelta di un piano di ammortamento di 20 anni.

In questo caso a carico del beneficiario principale del mutuo ci sarebbe una rata mensile di 798,51€, con TAN fisso e TAEG pari rispettivamente al 2,55 e al 2,76%.

Come si calcola il mutuo prima casa: un esempio di piano a tasso variabile

A questo punto, per approfondire ulteriormente la questione come calcolare il mutuo prima casa, è opportuno fare anche un esempio di piano a tasso variabile, utile anche per parlare dello spread, ossia il carico che ciascun istituto di credito applica al tasso e che rappresenta il suo guadagno.

Tra i tanti prodotti disponibili sul mercato analizziamo il mutuo a tasso variabile proposto da WeBank. Ipotizzando la richiesta di 130.000€ e la scelta di un piano di ammortamento di 20 anni, a carico del beneficiario principale ci sarebbe una rata mensile di 614,30€, con TAN e TAEG pari rispettivamente all’1,28 e all’1,31%.

Il tasso variabile è calcolato sulla base dell’Euribor 3 mesi e lo spread corrisponde all’1,85%.

Mutui Online - Confronta e Risparmia

I Migliori Mutui Prima Casa aggiornato al 14 aprile 2017 Mutui prima casa: chi può richiederli? I mutui prima casa sono speciali finanziamenti rivolti a coloro che non sono ancora proprietari di un immobile e che, per la prima volta, decidono di accedere un mutuo per acquistare la prima casa. Questa tipologia di finanziamento permette di richiedere fino all’80% del valore dell’immobile acquistato anc...
Calcola Mutuo Online: Come fare con Hello Bank? Come calcolare online il mutuo di Hello! Bank Hello! Bank è la banca completamente online che fa capo al circuito di BNL, per la precisione del gruppo BNP Paribas. Queste banche online, al netto dei costi abbattuti rispetto alle banche tradizionali, permettono anche di svolgere attività fondamentali come la presa visione delle condizioni alle qual...
Portabilità dei mutui decreto Bersani: come risparmiare La possibilità di trasferire il mutuo da un istituto di credito all’altro, modificando le condizioni di finanziamento senza spese di perizia od oneri d’istruttoria, è tecnicamente definita come surroga. La portabilità dei mutui decreto Bersani risponde ovviamente a regole precise. Vediamo quali sono. Portabilità dei mutui: quali regole? Quali son...
Surroga mutuo tasso fisso migliore: le offerte da non perdere Surroga mutuo tasso fisso migliore: come risparmiare sul mutuo casa. La surroga del mutuo è un vantaggio molto importante. La possibilità di trasferire il mutuo da un istituto di credito a un altro consente infatti di usufruire di un risparmio non indifferente su alcune voci di spesa del mutuo, questo senza dover versare nuovamente oneri di natura ...
Come calcolare il mutuo prima casa e risparmiare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *