Mutuo ipotecario definizione e caratteristiche

Mutuo ipotecario definizione e differenze rispetto alle altre categorie di mutuo

Cos’è il mutuo ipotecario? Qual è la sua definizione forma? E gli aspetti rilevanti per il cliente? Cominciamo la nostra analisi con la definizione stessa di mutuo fornita dall’articolo 1.813 del codice civile: “il mutuo è il contratto col quale una parte (mutuante) consegna all’altra (mutuatario) una determinata quantità di danaro o di altre cose fungibili, e l’altra si obbliga a restituire altrettante cose della stessa specie e quantità”.

Contratto di mutuo ipotecario definizione

Il mutuo è quindi un contratto di prestito che prevede il trasferimento di una certa somma di denaro da un ente erogatore, di solito corrispondente a una banca, a un destinatario, il mutuatario, che si fa carico della restituzione della somma aumentata dagli interessi. Una delle principali ragioni che conduce alla richiesta di un prestito è l’acquisto dell’abitazione principale.

E veniamo quindi alla definizione di mutuo ipotecario. Come lascia suggerire il nome stesso, il mutuo ipotecario è una linea di credito garantita da un’ipoteca su un immobile. La banca, quando è accordato il mutuo, prevede delle garanzie che rappresentino una tutela nell’eventualità di insolvenza, ovvero qualora si determini il mancato pagamento delle rate, da parte del debitore.

Il mutuo ipotecario prevede una durata solitamente superiore a 5 anni. È sottoscritto in presenza di un notaio, che provvede alla registrazione del contratto presso gli uffici competenti per l’iscrizione all’ipoteca con durata legale di 20 anni. Il creditore ottiene così il diritto di rivalsa sul bene oggetto dell’ipoteca.

Mutuo ipotecario definizione: cos’è l’ipoteca?

Questo ci porta all’interrogativo successivo: cos’è l’ipoteca? L’ipoteca rappresenta un diritto di garanzia. In modo particolare fornisce al creditore l’opportunità di procedere con l’espropriazione del bene ipotecato e con la sua vendita forzata.

Non si tratta però di un processo così immediato e diretto. Nel caso di insolvenza del debitore, il creditore può richiedere alla magistratura l’avvio della procedura di vendita forzata del bene, così da rientrare in possesso di quanto gli spetta. L’ente erogatore, in ogni caso, non potrà mai diventare proprietario del bene in compensazione del credito.

L’ipoteca rispetta il diritto di sequela, ciò significa che l’ipoteca rimane legata al bene cui fa riferimento anche se questo cambia proprietario. La registrazione delle iscrizione ipotecarie inerenti agli immobili è curata dalla Conservatoria dei Registri Immobiliari che interessa il territorio in cui è collocato l’immobile.

Una volta trascorsi 20 anni, il mutuo, qualora non sia estinto, può essere rinnovato. Se invece il mutuo è estinto, si può richiedere la cancellazione dell’ipoteca. L’ipoteca deve risultare iscritta su un bene immobiliare che può essere di proprietà:

  • del mutuatario, quando si tratta, ad esempio, di un mutuo per ristrutturazione o per liquidità;
  • dell’alienante, quando, ad esempio, l’immobile è in compravendita;
  • di un terzo soggetto denominato “terzo datore di ipoteca”.

I mutui ipotecari sono solo una delle categorie di mutuo disponibili per l’utente, passiamo in rassegna le principali differenze rispetto ai mutui chirografari e fondiari. I mutui chirografari sono dei finanziamenti di modesta entità, di solito non superiori ai 30mila euro, mentre la durata si attesta intorno ai 5-6 anni.

Questa tipologia di mutui, a dispetto di quelli ipotecari, non sono garantiti da un’ipoteca, ma esclusivamente dalla sottoscrizione del contratto. La loro erogazione interessa la soddisfazione di necessità individuali, spesso infatti assumono la forma di prestiti personali, l’acquisto di beni funzionali a un’impresa, per opere di ristrutturazione eccetera.

L’ultima categoria di mutui è costituita dai mutui fondiari. Le loro caratteristiche fondamentali sono tre:

1) disporre di una una durata superiore ai 18 mesi;

2) il rapporto tra somma mutuata e valore della garanzia (LTV) non deve risultare superiore all’ 80% (norma deliberata dal CICR, il 22 aprile 1995)

3) il credito deve essere garantito da iscrizione ipotecaria di primo grado sull’immobile.

Mutui Online - Confronta e Risparmia

Migliori Mutui Ristrutturazione a Tasso Fisso e Variabile Ottobre 2017 La maggior parte delle volte per apportare dei miglioramenti strutturali o estetici alla propria abitazione è necessario richiedere un finanziamento per sostenere i lavori e, a seconda del mutuo per ristrutturazione che si vuole ottenere, è necessario fornire una specifica documentazione. Vediamo quindi quali sono i documenti richiesti e quali s...
Mutuo surrogato: come trovare l’offerta migliore La surroga del mutuo è un’ azione che molte persone stanno effettuando negli ultimi anni, per alcuni precisi motivi. Il principale sta nel fatto che i tassi di interesse concessi negli ultimi 2-3 anni sono veramente molto bassi, anche inferiori al 2%. Rispetto a mutui del passato, anche di solo 5 anni fa, si tratta di proposte molto più vantaggiose...
Mutuo Credit Agricole: tra benefit e soluzioni personalizzate Con 52 milioni di clienti in oltre 50 paesi, la banca Credit Agricole si configura come uno dei gruppi bancari più solidi al mondo. Conti, carte, prestiti, mutui:l'offerta dell'istituto di credito è piuttosto variegata. Tuttavia, in questo articolo ci si concentra sulla proposta che riguarda il mutuo Credit Agricole. Mutuo Credit Agricole: finalit...
Scegliere il Miglior Mutuo Prima Casa grazie alla consulenza mutui Quando si deve acquistare la prima abitazione della propria vita oltre all'agitazione e l'eccitazione per il momento importante, bisogna fare i conti con l'aspetto economico. Sono poche infatti le persone che possono permettersi di comprare un immobile senza ricorrere a un istituto di credito. Le offerte e le proposte delle banche sono molteplic...